• In saldo!
  • -15,35%
EPAREMA LEVUL%SCIR 180G

EPAREMA LEVUL%SCIR 180G

023209024

8,90 €
7,53 € Salvare 15,35%
Tasse incluse
110 MG/ML + 56 MG/ML + 25 MG/ML SCIROPPO FLACONE DA 180 G
Quantità

“Le immagini dei prodotti riportate sul nostro sito sono puramente indicative e potrebbero differire in forma, colore, testo, packaging e formulazione degli ingredienti riportato sulle stesse. Data la difficoltà di aggiornare in tempo reale tutti i prodotti del nostro sito o eventuali errori, DocFarmacia.com invita la gentile clientela a richiedere informazioni al nostro servizio clienti per eventuali dubbi. Tutti i prodotti saranno identificati tramite MINSAN (codice del Ministero della Salute). “

  Spedizione entro 3 giorni Lavorativi

GRATIS per ordini superiori a 49,99€

  Assistenza Clienti: + (39) 0823 13 41 191

LUN-VEN 9:30 – 13:00 / 14:30 – 17:30

  WhatsApp: + (39) 379 1680487

Solo Messaggi

  Pagamenti Sicuri

con Carta di Credito - PayPal - Bonifico - Alla Consegna


100 ml di sciroppo contengono: Principi attivi: Cascara sagrada estratto fluido 11 g; Boldo estratto fluido 5,6 g; Rabarbaro estratto fluido 2,5 g. Eccipienti: metil–p–idrossibenzoato, alcool etilico Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

Eccipienti


Levulosio, metile–p–idrossibenzoato, tintura arancio, tintura vaniglia, alcool etilico, acqua depurata.

Indicazioni Terapeutiche


Trattamento di breve durata della stitichezza occasionale.

Controindicazioni/Effetti Indesiderati


Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Ostruzione meccanica delle vie biliari. Epatopatie acute e croniche. Calcolosi biliare. Insufficienza epatica. I lassativi sono controindicati nei soggetti con dolore addominale acuto o di origine sconosciuta, nausea o vomito, ostruzione o stenosi intestinale, sanguinamento rettale di origine sconosciuta, grave stato di disidratazione, condizioni infiammatorie intestinali (Morbo di Chron–Coliti Ulcerative). Controindicato durante la gravidanza e l’allattamento (vedere p. 4.6). Controindicato in età pediatrica (vedere p. 4.4).

Posologia


Adulti: un cucchiaino da the in poca acqua, due volte al giorno prima dei pasti. Bambini: un cucchiaino da caffè al giorno, prima del pasto serale. La dose corretta è quella minima sufficiente a produrre una facile evacuazione di feci molli. È consigliabile usare inizialmente le dosi minime previste. Assumere preferibilmente la sera. I lassativi devono essere usati il meno frequentemente possibile e per non più di sette giorni. L’uso per periodi di tempo maggiori richiede la prescrizione del medico dopo adeguata valutazione del singolo caso. Ingerire insieme ad una adeguata quantità di acqua (un bicchiere abbondante). Una dieta ricca di liquidi favorisce l’effetto del medicinale.

Avvertenze


Avvertenze Usare solo per brevi periodi. Tenere fuori dalla portata e dalla vista dei bambini. Non usare lassativi se sono presenti dolori addominali, nausea e vomito. L’uso continuativo di lassativi può provocare assuefazione o danno di diverso tipo. Se la stipsi è ostinata consultare il medico. L’abuso di lassativi (uso frequente o prolungato o con dosi eccessive) può causare diarrea persistente con conseguente perdita di acqua, sali minerali (specialmente potassio) e altri fattori nutritivi essenziali. Nei casi più gravi è possibile l’insorgenza di disidratazione o ipopotassiemia la quale può determinare disfunzioni cardiache o neuromuscolari, specialmente in caso di contemporaneo trattamento con glicosidi cardiaci, diuretici o corticosteroidi. L’abuso di lassativi, specialmente quelli di contatto (lassativi stimolanti), può causare dipendenza (e, quindi, possibile necessità di aumentare progressivamente il dosaggio), stitichezza cronica e perdita delle normali funzioni intestinali (atonia intestinale). Precauzioni per l’uso. Nei bambini al di sotto dei 12 anni il medicinale può essere usato solo dopo aver consultato il medico. Il trattamento della stitichezza cronica o ricorrente richiede sempre l’intervento del medico per la diagnosi, la prescrizione dei farmaci e la sorveglianza nel corso della terapia. Consultare il medico quando la necessità del lassativo deriva da un improvviso cambiamento delle precedenti abitudini intestinali (frequenza e caratteristiche delle evacuazioni) che duri da più di due settimane o quando l’uso del lassativo non riesce a produrre effetti. È inoltre opportuno che i soggetti anziani o in non buone condizioni di salute consultino il medico prima di usare il medicinale.

Interazioni


I lassativi possono ridurre il tempo di permanenza nell’intestino, e quindi l’assorbimento, di altri farmaci somministrati contemporaneamente per via orale. Evitare quindi di ingerire contemporaneamente lassativi ed altri farmaci: dopo aver preso un medicinale lasciare trascorrere un intervallo di almeno 2 ore prima di prendere il lassativo. Il latte o gli antiacidi possono modificare l’effetto del medicinale; lasciare trascorrere un intervallo di almeno un ora prima di prendere il lassativo. Occorre prestare cautela in caso di contemporaneo trattamento con glicosidi cardiaci, diuretici o corticosteroidi (vedere paragrafo 4.4).

Effetti Indesiderati


Patologie gastrointestinali Occasionalmente: dolori crampiformi addominali,coliche addominali, più frequenti nei casi di stitichezza grave. Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Sovradosaggio


Dosi eccessive possono causare dolori addominali e diarrea; le conseguenti perdite di liquidi ed elettroliti devono essere rimpiazzate. Vedere inoltre quanto riportato nel paragrafo Avvertenze speciali e precauzioni d’impiego circa l’abuso di lassativi.

Gravidanza ed Allattamento


Non esistono studi adeguati e ben controllati sull’uso del medicinale in gravidanza o nell’allattamento. L’utilizzo in gravidanza e durantel’allattamento deve essere evitato perchè gli antrachinonici vengono escreti in parte col latte materno conferendogli proprietà purgative.
023209024
5 Articoli
Nuovo prodotto

Commenti Nessun cliente per il momento.

Prodotti Correlati ( 16 altri prodotti nella stessa categoria )

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password